CONTORNI

TRADIZIONE

 

Antipasti

Primi

Secondi

Contorni

Dolci

 

 

 

 

PANE DI SEGALE

 

 

INGREDIENTI:

  • 200 grammi di farina per panificazione;

  • 120 grammi di farina di segale;

  • 10 grammi di lievito di birra;

  • 180 ml di acqua tiepida;

  • sale;

 

PREPARAZIONE:

  • mettere in un bicchiere 100 ml di acqua tiepida ed il lievito birra, girare con un cucchiaino fino a far sciogliere il cubetto di lievito;

  • a questo punto versate il contenuto del bicchiere in una bacinella piuttosto ampia;

  • aggiungete poco alla volta le due farine mischiate, il sale e lentamente l'acqua rimasta;

  • versare il composto su un piano di lavoro e lavorare l'impasto fino ad ottenere un panetto elastico;

  • mettete la vostra palla in un recipiente largo e coprite con un canovaccio umido e pulito;

  • fate riposare per almeno due ore, fino a quando la palla avrà raddoppiato il suo volume, poi riprendetela e lasciate ancora a riposo per un'ora e mezza;

  • a questo punto date al vostro pane la forma di ciambella o di ciabatta come preferite;

  • mettetelo su una placca del forno a 240 gradi, spennellate la superficie con un pochino di acqua e lasciate per 25 minuti, poi aggiungete ulteriori 10 minuti abbassando la temperatura a 200 gradi;

  • togliete dal forno e mettete il pane a raffreddare, tagliatelo a fette solo quando è freddo.

          gnam gnam!

 

CONSIGLIO IN Più: la caratteristica del pane di segale è che si conserva per giorni, sempre gustoso. Per allungare ancora di più la sua freschezza lasciatelo intero e tagliatene delle fette solo al bisogno, mettendolo in un sacchetto del pane di carta. Io spesso faccio tre o quattro ciambelle e poi le congelo: rimangono come fresche, una volta sgelate!

 

 

 

 

PATATE ALLA PIODA

 

INGREDIENTI:

  • 4 patate grandi;

  • sale;

PREPARAZIONE:

  • assicurarsi che la pioda (lastra in pietra per cottura tipo alla griglia, da esterno) sia pulita e asciutta;

  • sbucciare le patate, passarle sotto l’acqua corrente e asciugarle bene;

  • tagliare in fette alte circa mezzo centimetro, le patate più sono larghe e più sono l’ideale;

  • disporre le patate crude sulla piastra quando la pioda sarà ben calda;

  • girare spesso per favorire la cottura uniforme della patata su entrambi i lati;

  • lasciare sulla pioda per circa 15 minuti ( da valutare comunque in base al fuoco);

  • quando le patate saranno belle dorate e morbide, togliere dal fuoco e disporre su un piatto di portata, mettere un pizzico di sale per insaporire;

          gnam gnam!

 

INFO IN PIU': che cos’è la pioda? La pioda è una lastra in pietra ollare che in Valtellina e Valchiavenna si usa dai tempi immemorabili per cucinare, al punto da rientrare nella tradizione locale. E’ importante tenerla pulita, oliarla leggermente e scaldarla per cucinare in modo ottimale. Sotto ad essa bisogna accendere un fuoco a temperatura media. Ci si può cucinare di tutto: dalla carne al pesce, ai formaggi alla piastra, alle verdure. L’importante è non mischiare la carne con il pesce.  La pioda è una pietra porosa che tende ad assorbire gli odori di ciò che vi cucinate sopra e dei detersivi che, quindi, non vanno mai assolutamente utilizzati perché sono tossici. Per pulirla basta strofinarla con carta assorbente spessa e poi con aceto che sgrassa la superficie unta. Dalla Valmalenco, e non solo, vengono prodotti i “lavecc” che sono pentole, zuppiere ed utensili della cucina con pietra ollare per una cottura veramente graduale e fantastica! Curiosità: la pietra ollare o steatite possiede una forza primitiva che si percepisce subito nel momento in cui la si prende in mano. Questo contatto trasmette tranquillità, pace, calore, sentimento. La superficie è di colore grigio, creata dalla natura in centinaia e migliaia di anni possiede la capacità straordinaria di sopravvivere al fuoco e al gelo.

 
 

FAGIOLINI IN INSALATA

 

INGREDIENTI:

  • 600 gr di fagiolini verdi

  • Prezzemolo

  • Sale

  • Acqua di cottura

  • Aceto

  • Olio

PREPARAZIONE:

  • mettere sul fuoco una pentola capiente di acqua salata fino a quando avrà raggiunto l’ebollizione;

  • spuntare i fagiolini freschi e lavarli sotto l’acqua corrente;

  • versarli quindi nella pentola per circa 25 minuti;

  • tritare il prezzemolo fresco e metterlo in una ciotolina;

  • scolare i fagiolini, metterli in una insalatiera e condirli con il trito di prezzemolo, sale, olio e aceto;

       buon appetito!

 

SUGGERIMENTO: Appena scolati, sciacquare i fagiolini con un getto di acqua fredda: questo darà alla verdura un colore verde brillante e ne blocca la cottura.